venerdì - 21 Giugno - 2024

Come funziona il farmaco che fa perdere fino a 22kg: la spiegazione del Policlinico

Il rinomato professor Francesco Giorgino, a capo dell’Unità Operativa Complessa di Endocrinologia del Policlinico di Bari, ha offerto a Fanpage.it preziose informazioni riguardanti la sperimentazione di un innovativo farmaco contro il diabete.

Durante la sperimentazione SURPASS-3 al Policlinico di Bari, è stato esaminato il Tirzepatide, un medicinale che fa parte della nuovissima classe dei doppi agonisti recettoriali. Questo farmaco opera emulando due ormoni naturali prodotti dall’intestino; questi ormoni regolano la glicemia e inducono una perdita di peso influenzando il senso di sazietà.

La particolarità di questa terapia, illustrata nel video a disposizione nella pagina di riferimento, è nella sua struttura bivalente. Un’unica molecola è stata adattata per influenzare diverse aree: la glicemia, il peso, la steatosi epatica, la pressione e, potenzialmente, la diminuzione del rischio di malattie cardiovascolari.

Testimonianze e Risultati

Grazie al Tirzepatide, i pazienti diabetici possono sperimentare una normalizzazione dei valori glicemici. Sorprendentemente, un paziente su due ritorna a uno stato normoglicemico, vivendo come se non avesse mai avuto il diabete. Teofilo, uno dei partecipanti, ha esclamato: “Mi sento una persona sana”.

I risultati si estendono anche al peso corporeo. I pazienti diabetici hanno registrato una perdita di peso compresa tra 12-14 kg, mentre i pazienti obesi, ma non diabetici, hanno sperimentato una diminuzione ancor maggiore, oscillando tra 20 e 22 kg. Questi dati suggeriscono che il Tirzepatide potrebbe avere un ruolo significativo anche nella lotta all’obesità.

Molti pazienti hanno espresso soddisfazione per i progressi ottenuti con il Tirzepatide, sottolineando che, rispetto ad altre terapie antidiabetiche, questo farmaco è risultato il più efficace. Con solo una somministrazione settimanale, in soli un mese e mezzo, i pazienti hanno iniziato a notare miglioramenti sia nella glicemia sia nel peso. Questa terapia viene generalmente somministrata per un periodo che può estendersi fino a un anno e mezzo, mostrando risultati costantemente positivi.

Disponibilità in Italia

La sperimentazione SURPASS-3 si è conclusa da poco al Policlinico di Bari. Tuttavia, un altro studio, SURPASS-CVOT, sta ancora indagando gli effetti del Tirzepatide sul rischio di malattie cardiovascolari, come ictus e infarto. Il medicinale ha già ricevuto l’approvazione dalla Food and Drug Administration ed è disponibile negli Stati Uniti. Si prevede che, una volta ottenuta l’approvazione anche dall’Ema, il farmaco verrà introdotto nei mercati dell’Unione Europea, con una possibile disponibilità in Italia entro l’anno.

Articoli recenti

I più letti