venerdì - 21 Giugno - 2024

Divorzia dal marito perché ha tumore ai testicoli: “Non sono un mostro, ho dovuto fare 3 anni di terapia per gli insulti”

Una donna che ha scelto di divorziare dal suo coniuge mentre era alle prese con un tumore ai testicoli ha esposto le sue ragioni, sostenendo non solo di non avere rimpianti, ma anche di non sentirsi un mostro per la decisione presa.

Yana Fry, life coach di origine russa attualmente residente a Singapore, si è unita in matrimonio all’età di 22 anni. Il suo ex marito, di 15 anni più grande, è stato diagnosticato con cancro tre mesi dopo il loro matrimonio, tuttavia lei è rimasta con lui per altri cinque anni.

In un’intervista, Yana ha trovato il coraggio di narrare la sua esperienza, nonostante le molteplici critiche ricevute. Nonostante tutto, è convinta che la sua storia possa essere di aiuto ad altri.

Il congedo dal coniuge malato di cancro senza rimpianti

Prima della diagnosi, Yana ha descritto il suo ex marito come qualcuno che tendeva a “perdersi nell’autocommiserazione”. Dopo anni di tormento interiore, ha deciso di porre fine alla loro relazione, causando la disapprovazione dei suoi suoceri. «Mi sono frettolosamente sposata. Non credo che le donne dovrebbero sposarsi prima dei 30 anni.

Non conosciamo ancora noi stesse e non sappiamo quale partner sia migliore per noi», ha affermato Yana, oggi quarantenne. Il loro era un rapporto sincero, ma con la diagnosi del cancro è diventato evidente che non avrebbe potuto continuare. «Ci sono due modi in cui le persone reagiscono a malattie gravi. Il primo era quello di mio marito: persone che si perdono nell’autocommiserazione. Il secondo riguarda persone che invece si preoccupano di chi è intorno a loro».

La diagnosi del marito

Yana aveva sposato il suo ex marito pensando che sarebbero rimasti insieme per sempre, ma il suo desiderio di maternità è diventato un problema quando è stato diagnosticato un tumore ai testicoli. Mentre c’è un forte supporto psicologico per il malato, questo non sempre si estende a chi gli sta accanto. «Ci siamo sposati in Svizzera e poi ci siamo trasferiti a New York. Ero in una situazione di totale isolamento, senza supporto. Come si può pianificare il futuro come neo sposini quando si lotta contro qualcosa come il cancro?», ha detto Yana, rimarcando la mancanza di supporto per lei in quel momento critico.

Il suicidio dell’amico

Negli anni successivi, Yana ha iniziato a perdere la speranza e ha notato come le dinamiche di coppia fossero irrecuperabili. L’ultima goccia è stata la morte per suicidio di un suo amico. «Nel mio stato mentale di quel momento, il suicidio sembrava un’opzione, anche se non l’avevo mai considerato prima. Ero molto male», ha spiegato.

Il divorzio

Allora Yana ha deciso di divorziare dal suo ex marito in fase terminale, un periodo comprensibilmente duro per entrambi. «Lui era sempre più concentrato su se stesso e il divorzio ha solo aumentato il suo autocommiserazione. Ciò che è stato ancora più difficile è stata la reazione del mondo esterno». «Ho ricevuto messaggi terribili. Non voglio chiamarlo odio, ma era molto simile. Le persone erano sofferenti e volevano dare la colpa a qualcuno. La sua famiglia era così delusa». I suoi ex suoceri erano così afflitti da non averla neanche informata della morte dell’ex marito, avvenuta due anni dopo il divorzio, nonostante l’uomo si fosse risposato.

La rinascita

Yana ha quindi iniziato l’arduo processo di ricostruire la sua vita e la sua identità, non avendo avuto la possibilità di stabilire un percorso professionale solido fino a quel punto. «Ho conseguito una laurea in economia a San Pietroburgo, ma non ero sicura di quanto fosse utilizzabile nei paesi sviluppati. Così ho deciso di cambiare carriera, sentendo che avrebbe avuto più significato.

Volevo aiutare gli altri a gestire meglio il dolore». «Quando stavo soffrendo, un mio amico, che era un coach, ha trascorso molte ore, giorni e settimane a parlare con me e a farmi capire le cose. Non so dove sarei adesso senza quelle conversazioni. Dato che ho visto un grande valore nel coaching, ho deciso di diventare coach io stessa per aiutare gli altri. Una volta ritrovata la pace interiore, il mio lavoro si è trasformato dall’aiutare le persone a gestire il dolore a aiutare le persone a trovare il loro scopo nella vita. Questo è ciò che faccio ora».

La persona orribile

«Ho dovuto fare anni di terapia per capire che non sono un mostro per aver preso la decisione che ho preso». Yana ha detto che alla fine non ha rimpianti per la sua decisione di scegliere se stessa, ora ha trovato una vita di cui è felice. Ha anche ritrovato l’amore, e si è risposata. La coach spera che, condividendo la sua esperienza, altre persone, in particolare le donne, trovino il coraggio di fare ciò che è giusto per loro, anche se ciò comporta la disapprovazione sociale. «Sento che noi, in particolare le donne, siamo cresciute con la mentalità di servire gli altri, ma quando vai contro di essa, impari molto sulla resilienza e l’autoconsapevolezza», ha detto.

Articoli recenti

I più letti