giovedì - 22 Febbraio - 2024

Dormire male è un pericoloso sintomo di cancro, le cose da verificare subito per salvarti la vita

L’insonnia e il cancro hanno un rapporto significativo che, purtroppo, non viene spesso discusso, e questa mancanza di attenzione rappresenta un problema serio. In questo articolo, analizziamo in dettaglio la connessione tra insonnia e cancro, evidenziando come tale comprensione possa beneficiare sia chi già soffre di questa malattia sia chi potrebbe scoprire il cancro proprio attraverso i disturbi del sonno. Un fatto sorprendente è che più della metà dei pazienti oncologici soffre di cattive qualità del sonno.

Nonostante questa realtà, solo una minoranza di questi pazienti cerca soluzioni per il proprio disturbo del sonno. È comprensibile che chi affronta il cancro si concentri maggiormente sulle terapie oncologiche, relegando l’insonnia a un problema secondario. Tuttavia, va notato che un cattivo riposo notturno può deteriorare sia la salute fisica che quella psicologica, rendendo le terapie meno efficaci.

Il Rapporto tra Sonno e Cancro

Il benessere derivante da un sonno di qualità ha dimostrato scientificamente di migliorare la risposta e l’efficacia delle terapie oncologiche e di ridurre gli effetti collaterali. Un buon sonno riduce il rischio di complicazioni, migliora l’umore e l’energia e aumenta le possibilità di sopravvivenza.

I pazienti oncologici spesso cadono in uno stato di scoraggiamento, trascurando una dieta equilibrata e l’attività fisica, considerate più adatte a chi conduce una vita “serena e spensierata”. Invece, i medici insistono sulla necessità di mantenere un buon sonno, un’alimentazione sana, di fare esercizio fisico nei limiti del possibile e di vivere con qualità.

I Disturbi del Sonno come Campanelli d’Allarme

In molti casi, l’insonnia o i disturbi del sonno generali sono tra i primi sintomi del cancro, fungendo da preziosi indicatori per la diagnosi. L’insonnia influisce negativamente sulla vita quotidiana, causando sonnolenza diurna, stanchezza, difficoltà di concentrazione e irritabilità, potendo così essere un campanello d’allarme per ulteriori indagini mediche.

Cause dell’Insonnia nei Pazienti Oncologici

L’insonnia nei pazienti oncologici può essere causata direttamente dal tumore, dagli effetti collaterali dei farmaci e dei trattamenti, dai cambiamenti fisici dovuti alla chirurgia, dal dolore, o anche da fattori ambientali come un ricovero ospedaliero e un letto scomodo. Un elemento significativo che incide sul sonno è la paura, lo stress e l’ansia legati alla malattia.

Consigli Medici per il Trattamento dell’Insonnia

È fortemente consigliato che chiunque soffra di disturbi del sonno inspiegabili si sottoponga a un controllo medico generale. Questo può portare alla scoperta precoce del cancro, una scoperta dolorosa ma vitale per un intervento tempestivo. Inoltre, i medici raccomandano di non rimuginare a letto dopo le terapie e di coltivare pensieri positivi, poiché ansia e sentimenti di impotenza possono aggravare la condizione del paziente. Affrontare l’insonnia può quindi migliorare non solo il riposo ma anche la risposta emotiva e la reazione alle terapie.

Articoli recenti

I più letti