martedì - 5 Marzo - 2024

Ha il corpo pieno di tumori, ma guarisce dopo un mese: la terapia innovativa che ha salvato Paulo

Dopo un lungo percorso di diagnosi, terapie, esami e numerosi ricoveri ospedalieri, Paulo Peregrino, un brasiliano di 61 anni, ha finalmente intravisto una luce in fondo al tunnel. Paulo ha affrontato un tumore alla prostata nel 2013, seguito da un linfoma nel 2018 che ha sfidato sia le chemioterapie che un trapianto di midollo osseo.

Tuttavia, una terapia rivoluzionaria gli ha permesso di raggiungere la completa remissione del cancro in un arco di tempo sorprendentemente breve.

Oggi, Paulo orgogliosamente mostra due scansioni RM, una che raffigura un linfoma avanzato e l’altra, scattata un mese dopo, completamente libera da cellule tumorali. Ora si trova a casa a San Paolo, sotto costante supervisione medica, dopo aver optato per un trattamento innovativo e sperimentale, essendo convinto di non avere altre opzioni.

Peregrino è uno dei 14 pazienti che dal 2019 hanno partecipato a studi sperimentali sulla terapia CAR-T, condotti con fondi pubblici dalla Fondazione Hemocentro dell’Università di San Paolo in collaborazione con altre istituzioni pubbliche.

La maggior parte di questi pazienti ha ottenuto una remissione completa o significativa dei loro tumori e solo due sono deceduti. Tali risultati sono confrontabili con quelli ottenuti negli Stati Uniti e in Europa, dove la stessa terapia viene utilizzata, come riporta il dottor Vanderson Rocha, il medico che ha curato Peregrino.

Questi pazienti sono stati sottoposti al trattamento sperimentale come ultima spiaggia, dopo che tutte le terapie precedenti si erano rivelate inefficaci. “Prima di partecipare allo studio, non c’erano altre opzioni di cura o remissione della malattia e l’aspettativa di vita era di pochi mesi, massimo un anno”, spiega Dimas Covas, direttore dell’Hemocentro, in un’intervista con El Confidencial.

La terapia CAR-T, o terapia con cellule T del recettore dell’antigene chimerico, è un tipo di immunoterapia in cui le cellule del paziente vengono estratte, modificate in laboratorio e reintegrate per combattere il cancro. Questa terapia ha mostrato risultati promettenti non solo in Brasile, ma anche in Spagna, segnalando un’innovazione significativa nella lotta contro il cancro, nonostante la necessità di ulteriori ricerche.

Nel caso specifico di Peregrino e degli altri 13 pazienti, la terapia è stata sviluppata e applicata interamente in Brasile. Covas sostiene che “i vettori virali utilizzati e i processi di produzione sono stati creati dalle nostre istituzioni e dai miei colleghi del team di ricerca”. Benché vi siano terapie CAR-T commercialmente disponibili negli Stati Uniti e in alcuni paesi europei, queste costano circa 500.000 dollari, oltre alle spese ospedaliere, rendendole inaccessibili alla maggior parte della popolazione.

L’obiettivo è di rendere questa terapia disponibile attraverso il Sistema Único de Saúde (SUS), il sistema sanitario pubblico del Brasile, il più presto possibile. “Per raggiungere questo traguardo, oltre a terminare lo studio clinico, dobbiamo stabilire i meccanismi di finanziamento da parte del Ministero della Salute brasiliano”, aggiunge Covas. Inoltre, il piano prevede anche l’esportazione di questa tecnologia in altri paesi.

Riguardo alla posizione del Brasile nello sviluppo delle terapie CAR-T, Covas risponde con sicurezza: “Sì, siamo in prima linea”. Egli spiega: “Il Brasile, attraverso l’Università di San Paolo, l’Hemocentro Ribeirão Preto dell’ospedale delle cliniche della Facoltà di Medicina dell’USP e il suo Istituto Nazionale di Cellule Staminali e Terapia Cellulare del Cancro (CNPQ-FAPESP), ha sviluppato la prima CAR-T nazionale nel 2018. Nel 2019, il primo paziente con linfoma a cellule B è stato trattato con remissione totale del tumore in meno di un mese”. Egli anticipa che “a partire da agosto, è previsto l’inizio di uno studio clinico di fase I/II con 80 pazienti, che consentirà la registrazione commerciale del prodotto”.

Nell’ottobre 2022, l’Hemocentro ha stipulato un accordo con l’USP e l’Istituto Butantan per la creazione di due unità di produzione con la capacità di effettuare da 600 a 1.000 trattamenti all’anno. La struttura di Ribeirão Preto è già operativa e dovrebbe presto garantire 10 trattamenti al mese. “Tutti questi sviluppi ci pongono in prima linea nello sviluppo di CAR-T in Brasile e in America Latina”, conclude il direttore dell’Hemocentro.

Articoli recenti

I più letti