venerdì - 21 Giugno - 2024

Orrore in famiglia: “Il primo bacio con mio padre a 9 anni. Incinta di mio fratello a 15”

Le statistiche ci confermano una cruda realtà: una gran parte degli abusi si verificano all’interno delle mura domestiche. La situazione diventa ancor più critica quando si prende in considerazione il legame tra la vittima e il suo aggressore. Spesso la vittima è una donna o bambina, e l’abusante è un membro della propria famiglia, compresi i padri. Il caso recentemente riportato si distingue per la sua gravità, poiché non solo il padre era coinvolto, ma anche la madre e il fratello della vittima.

Ana Paula, una giovane adolescente, ha vissuto un vero e proprio inferno per sette anni all’interno della sua casa in San Juan, Argentina, come riportato dal portale web SanJuan8. Nonostante la loro apparente normalità, ha descritto i suoi familiari come “veri psicopatici“.

La sua verità è emersa in tribunale. Quando Ana Paula ha raggiunto il suo limite, ha riconosciuto il degrado in cui la sua vita era precipitata a causa delle azioni di coloro che avrebbero dovuto proteggerla. Grazie all’assistenza di un’associazione che difende le donne, ha avuto il coraggio di denunciarli. Durante il processo, sono stati rivelati tutti i dettagli terribili degli abusi che ha subito fin da bambina.

Descrivendo l’ambiente in cui è cresciuta, ha rivelato: “Approfittavano di ogni situazione in cui io ero sola, con uno di loro”. Ha poi condiviso un particolare agghiacciante, raccontando che il suo “primo bacio è stato con mio padre” all’età di nove anni, costringendola a praticargli rapporti orali. A dodici anni, è stato il fratello maggiore a violarla, portando a una gravidanza all’età di quindici anni.

Tuttavia, l’orrore non si ferma qui. Ana Paula ha raccontato come sua madre l’abbia obbligata a prendere farmaci per causare un aborto. Successivamente, fu la stessa madre a imporle un dispositivo intrauterino per prevenire future gravidanze. Ancora peggio, era spesso la madre a incitare sia il marito che il figlio a abusare della giovane.

Attualmente, tutti e tre gli abusanti stanno affrontando il processo. Anche se negano le accuse, affermando che Ana Paula avrebbe inventato tutto per vendetta per un regalo rifiutato, le prove contro di loro sono schiaccianti. La procura ha chiesto 22 anni di reclusione per il padre, 20 anni per il fratello e 12 anni per la madre.

Articoli recenti

I più letti