mercoledì - 24 Luglio - 2024

Questo medico dice che prima di morire, vediamo le persone che amiamo di più

La morte è un evento irrevocabile strettamente legato alla vita, tuttavia, le persone generalmente faticano a gestire questo tema, sia che si tratti della propria morte o di quella di un caro. Questa realtà si è fatta particolarmente sentire l’anno scorso, a causa della pandemia, che ha impedito a molte famiglie di stare accanto ai loro cari negli ultimi momenti di vita. Questa esperienza difficile ha indotto molte persone a riflettere su come affrontare e comunicare l’addio.

In questo contesto, le ricerche del Dott. Christopher Kerr dell’Università di Buffalo assumono un particolare interesse. Kerr ha osservato che molti dei pazienti che ha seguito nelle fasi finali della malattia e alla soglia della morte vedono spesso persone amate nel corso della loro vita, alcune delle quali potrebbero essere decedute. Questo fenomeno comprende anche animali domestici e oggetti fisici che hanno avuto un ruolo importante nella vita del paziente terminale.

“La Morte è Solo un Sogno”: Speranza e Significato alla Fine della Vita

Kerr, insieme alla professoressa Carine Mardorossian, ha scritto un libro che riflette la loro lunga esperienza e illustra queste scoperte attraverso vari esempi. Il libro, intitolato “La morte n’è che un sogno: trovare speranza e significato alla fine della vita“, presenta numerosi casi di pazienti che affrontano gli ultimi giorni della loro vita vedendo familiari e amici che non sono fisicamente presenti in ospedale.

Un’Immagine degli Ultimi Istanti di Vita

Pubblicato nel 2020, il libro racconta sogni e visioni toccanti che appaiono negli ultimi momenti della vita. Questi sogni, scrive il Dr. Kerr, “aiutano i pazienti terminali a riscoprire un senso più autentico di sé stessi, con le persone che hanno amato e perduto, coloro che portano loro perdono e pace”.

Il libro nasce dall’osservazione di un’infermiera, Nancy, che raccontava al medico di un paziente affetto da AIDS sulla quarantina, con prognosi fatale, che sognava sua madre. Kerr riconosce che questo evento ha ispirato il libro e osserva: “Sottolineo la dicotomia tra una visione medicalizzata della morte, che la considera come un fallimento organico e un problema da risolvere, e una prospettiva più umanista che considera la persona nella sua totalità e, facendo così, onora anche le dimensioni soggettive, interne o esperienziali della morte”.

La Mortalità Secondo la Ricerca di Kerr e Mardorossian

Il Dr. Carine Mardorossian, professore di inglese, è stato incaricato di scrivere il libro e raccogliere le testimonianze delle persone sul punto di morire. Afferma: “Dal punto di vista di un non-medico, scrivere di persone che non conoscevo significava che stavo scrivendo una sorta di fiction, ma solo nella misura in cui la fiction è l’unico mezzo per raggiungere la verità. Per scrivere un libro veritiero sui sogni di fine vita, bisognava manipolare il materiale come la fiction ci insegna a fare, imponendo un certo ordine, una certa selettività e una certa soggettività al materiale per rendergli giustizia”.

Christopher Kerr sottolinea: “Le nostre ricerche suggeriscono che la stragrande maggioranza dei pazienti sperimenta questo tipo di adattamento finale alla morte. Ma ogni paziente è diverso. Avere demenza o sindrome di Down sembra innescare reazioni simili, ma non identiche. Una volta, una paziente con demenza avanzata ha voluto lasciare l’ospedale perché doveva andare al suo matrimonio. Era piena di amore e gioia mentre riviveva il giorno più bello della sua vita, sebbene fosse vicino al suo ultimo. Quando esaminiamo la morte, i nostri studi mostrano che i morenti continuano a crescere, ad adattarsi e ad acquisire conoscenze fino ai loro ultimi giorni. Questo è il paradosso della morte: vediamo un deterioramento fisico, ma il paziente può essere molto vivo, addirittura illuminato, a livello emotivo e spirituale”.

Articoli recenti

I più letti