mercoledì - 19 Giugno - 2024

Uno studio rivela: le persone che fanno un pisolino ogni giorno hanno un alto rischio di demenza

I ricercatori hanno condotto un esperimento su oltre 100 persone anziane riguardo le loro abitudini di sonno. Coloro che non avevano avuto abbastanza ore di sonno di qualità avevano più tau nel cervello. Le proteine Tau formano intrichi nel cervello che possono aprire la strada alla demenza.

Secondo gli scienziati, le persone che fanno frequentemente un pisolino durante il giorno hanno un rischio maggiore di sviluppare la demenza.

Coloro che amano fare un pisolino di giorno tendono ad avere più proteine tau che si aggrovigliano nel cervello, causando la demenza.

E la mancanza di sonno profondo alimenta le proteine deviate del cervello che distruggono i neuroni, affermano gli scienziati.

Uno studio su oltre 100 persone anziane ha rivelato che quelle che non ottenevano abbastanza tau durante le ore di sonno “di qualità” avevano anche più tau, portando a perdita di memoria e confusione.

I risultati pubblicati in Science Translational Medicine aggiungono crescenti prove che stabiliscono un legame tra la mancanza di sonno e la malattia di Alzheimer e altre forme di demenza.

Questo potrebbe portare a una sorveglianza delle abitudini notturne per aiutare ad identificare i pazienti a maggior rischio di questa devastante malattia.

In particolare, è il sonno profondo e riparatore, noto come SWS, che è essenziale. Questo diminuisce naturalmente man mano che invecchiamo – negli uomini intorno ai trent’anni e nelle donne intorno ai cinquanta.

Il professor Brendan Lucey, autore principale e direttore del Washington University Sleep Medicine Center a St Louis, ha dichiarato: “La chiave non è la quantità totale di sonno che era legata al tau, ma il sonno lento che riflette la qualità del sonno. In effetti, le persone con un aumento di tau dormivano di più di notte e facevano più pisolini di giorno – ma non avevano un sonno di altrettanta buona qualità.”

Le sieste diurne da sole erano significativamente associate a livelli elevati di tau.

Ciò significa che i medici potrebbero identificare i pazienti che potrebbero beneficiare di ulteriori test semplicemente chiedendo: “Quante volte fate un pisolino durante il giorno?”

L’anno scorso, uno studio simile condotto da un altro team americano ha rivelato che coloro che facevano un pisolino di giorno avevano quasi tre volte più beta-amiloide, un’altra proteina dannosa che può innescare la demenza agglomerandosi nella materia grigia e formando placche.

Il Dr. Lucey ha detto che solo alcune onde cerebrali lente che si verificano durante la parte più rinfrescante del ciclo del sonno sono associate a livelli elevati dell’altra proteina tossica del cervello, chiamata tau.

Quello che è interessante è che abbiamo visto questa relazione inversa tra una diminuzione del sonno lento e un aumento della proteina tau in persone con capacità cognitive normali o leggermente ridotte, il che significa che la riduzione dell’attività delle onde lente potrebbe essere un indicatore del passaggio dalla normalità alla deficienza.

Misurare il modo in cui le persone dormono potrebbe essere un modo non invasivo per diagnosticare la malattia di Alzheimer prima o proprio quando le persone iniziano a sviluppare problemi di memoria e di pensiero.

La mancanza di sonno è una delle caratteristiche della malattia di Alzheimer. Le persone affette dalla malattia tendono a svegliarsi stanche, e le loro notti diventano ancora meno rigeneranti man mano che i sintomi come la perdita di memoria peggiorano.

Tuttavia, i legami tra notti insonni e malattia di Alzheimer non sono completamente compresi. Il Dr. Lucey e i suoi colleghi pensano di aver trovato parte della spiegazione.

I partecipanti che avevano meno SWS, che consolida i ricordi e ci permette di svegliarci sentendoci freschi, avevano più tau. Questo è un segno della malattia di Alzheimer ed è stato associato a danni cerebrali e declino cognitivo.

“Ciò suggerisce che un sonno di scarsa qualità in età avanzata potrebbe essere un campanello d’allarme per il deterioramento della salute cerebrale,” ha dichiarato il Dr. Lucey.

La malattia di Alzheimer colpisce circa 850.000 persone nel Regno Unito e 5,7 milioni di americani, e si prevede che questo numero raddoppierà entro il 2050. Non esiste una cura.

Eppure, la malattia inizia lentamente e silenziosamente. Fino a due decenni prima dell’insorgenza dei sintomi caratteristici, i beta-amiloide iniziano ad accumularsi nel cervello. Successivamente, si verificano gli intrichi di tau, seguiti dalla distruzione delle aree chiave del cervello. Solo a questo punto le persone iniziano a mostrare segni evidenti di declino cognitivo.

La sfida è trovare persone in fase di sviluppo della malattia di Alzheimer prima che tali cambiamenti cerebrali compromettano la loro capacità di pensare con chiarezza. In questo, il sonno potrebbe essere un buon indicatore.

Gli ricercatori hanno quindi analizzato 119 volontari di età superiore ai 60 anni, di cui l’80% era mentalmente sano e il resto leggermente disabile.

Il loro sonno è stato monitorato a casa durante una settimana normale attraverso l’uso di cuffie portatili nel loro letto dotate di elettrodi che misuravano le onde cerebrali. Un sensore simile a un orologio indossato al polso monitorava i movimenti del corpo e registrava anche le sessioni di sonno notturno e i pisolini diurni. Ogni partecipante ha fornito dati per almeno due notti, alcuni per un massimo di sei notti.

La PET e la puntura lombare sono state utilizzate per misurare i livelli di beta-amiloide, tau e liquido cerebrospinale che

Articoli recenti

I più letti