giovedì - 29 Febbraio - 2024

Nuova forte scossa di terremoto in Italia poco fa

Da tempi immemori, i terremoti hanno sempre suscitato profondo timore e incertezza. La Penisola Italiana, notoriamente, è stata spesso scossa da eventi sismici, in particolare nelle zone ad alto rischio. Le cronache giornaliere ci aggiornano sulle continue scosse che affliggono le popolazioni.

Questi eventi naturali sono il risultato della liberazione e propagazione di energia sotto forma di onde sismiche, dovute all’attivazione di una faglia. L’origine profonda di un terremoto è denominata ipocentro, mentre la zona sulla superficie terrestre direttamente al di sopra dell’ipocentro è l’epicentro.

I terremoti vengono generalmente categorizzati in base alla loro intensità o magnitudo, misurate tramite la scala Mercalli e la scala Richter. L’arrivo di un sisma spesso causa panico tra i cittadini, preoccupati per la loro sicurezza e i potenziali danni.

Attraverso la storia, terremoti devastanti hanno distrutto interi insediamenti, lasciando dietro di sé soltanto disperazione, soprattutto tra coloro che hanno perduto tutto dopo anni di duro lavoro e sacrificio.

Recentemente, l’Italia è stata nuovamente scossa da un terremoto, con una crescente preoccupazione tra la gente. Marradi, in provincia di Firenze, ha subito un sisma di magnitudo 4.9. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha registrato 12 scosse dopo la mezzanotte, ma questi dati sono in continuo aggiornamento. La scossa più forte, di magnitudo 3.2, è stata registrata alle 00:50.

Al momento, non ci sono state segnalazioni di danni a persone o proprietà. “Anche in questa notte continua il supporto del sistema regionale di Protezione Civile alla popolazione”, ha comunicato Eugenio Giani, presidente della Toscana, su Facebook. Anche Tredozio, un piccolo centro di 1.100 residenti, ha risentito delle scosse. Molti residenti, traumatizzati, hanno cercato rifugio in luoghi sicuri come palazzetti dello sport o presso amici.

Tra gli evacuati c’è Giuseppe ‘Pinuccio’ Bonaccorsi, 98 anni, un geologo in pensione, che ha detto: “Me ne intendo, ho capito subito che dovevo andarmene”. Allo stesso modo, Cinzia, una giovane madre, ha condiviso come abbia portato con sé l’essenziale per sua figlia Diletta: “Il suo box – spiega –. Per lei è quasi come essere nella sua cameretta”.

Mentre la comunità cerca di capire e adattarsi, gli scienziati continuano a cercare risposte sul perché i terremoti non possono ancora essere previsti con certezza. Nel frattempo, i soccorritori, tra cui i Vigili del fuoco e i volontari della Protezione Civile, lavorano incessantemente. “La vallata è costellata di frane: alla minima pioggia dobbiamo essere pronti per entrare in azione. Il terremoto ha cambiato la prospettiva, ma noi siamo ancora qua“, affermano.

Tredozio ora appare come un paese fantasma, con le sue strade vuote. La sindaca Simona Vietina ha esposto la sua preoccupazione, dicendo: “Abbiamo lottato contro le frane senza lasciarci sopraffare, ma perdere la scuola sarebbe davvero un colpo troppo duro”.

Articoli recenti

I più letti