domenica - 21 Aprile - 2024

Ginkgo biloba: il rimedio per bloccare il mal di testa e non solo

Ginkgo biloba

[presto_player id=1595]

Il Ginkgo biloba, uno dei rimedi naturali più popolari al mondo, viene utilizzato da migliaia di anni come trattamento erboristico, tra gli altri, per bloccare il mal di testa. Viene spesso definito uno degli alberi più antichi del mondo e, in cinese, viene chiamato semplicemente ginkgo. Il ginkgo è stato storicamente utilizzato per molte condizioni, tra cui i sintomi emicranici, la demenza, l’asma, la bronchite, i problemi agli occhi come il glaucoma, il ronzio alle orecchie (acufene), il dolore alle gambe causato dal restringimento delle arterie (claudicatio intermittens) e altri problemi di salute.

La maggior parte degli integratori utilizza l’estratto concentrato di Ginkgo biloba che proviene dalle foglie verdi essiccate dell’albero. Si crede che i principi attivi del ginkgo siano i flavonoidi, che agiscono come antiossidanti, e i terpenoidi, che possono aiutare a migliorare la circolazione rilassando i vasi sanguigni e diminuendo l’adesività delle piastrine.

Amazon product

Studi su ginkgo biloba ed emicrania

Ginkgo biloba

Ci sono pochissimi studi sul ginkgo biloba nei pazienti che soffrono di emicrania. Un piccolo studio del 2009 ha esaminato 50 donne che soffrivano di emicrania con aura o di emicrania con aura senza cefalea. Per quattro mesi, alle donne sono stati somministrati integratori di ginkgo biloba per l’emicrania. Lo studio ha scoperto che il numero totale di attacchi di emicrania è diminuito significativamente. Tuttavia, i risultati dello studio non sono convincenti perché il ginkgo non è stato confrontato con un placebo inattivo o con un altro trattamento. Inoltre, sia le donne dello studio che gli investigatori sapevano di aver ricevuto il ginkgo biloba, quindi i risultati potrebbero essere stati influenzati da tale conoscenza.

Un altro piccolo studio è stato condotto nel 2011 su bambini in età scolare con emicrania. Ai bambini sono stati somministrati una combinazione di ginkgo biloba, coenzima Q10, magnesio e riboflavina per tre mesi. Sebbene lo studio abbia mostrato una riduzione degli attacchi di emicrania nei pazienti, i risultati dello studio non sono affidabili in quanto gli integratori non sono stati confrontati con un placebo.

Formulazioni disponibili

Come rimedio naturale, è disponibile senza prescrizione medica in diverse formulazioni, tra cui:

Effetti collaterali e altre precauzioni

Per la maggior parte delle persone, il ginkgo sembra essere sicuro quando assunto in quantità moderate. Gli effetti collaterali che possono essere sperimentati includono:

  • Vertigini
  • Mal di stomaco
  • Stitichezza
  • Reazioni allergiche della pelle

Questi non sono tutti gli effetti collaterali possibili, bisogna sempre rivolgersi al proprio medico riguardo a ciò che ci si può aspettare dal trattamento con il ginkgo biloba.

Chi non dovrebbe prendere il ginkgo biloba

Prima di assumere il ginkgo biloba per la cura dell’emicrania, parlane con il tuo medico. Si dovrebbe informare il medico riguardo tutti i farmaci, vitamine e integratori in uso, in quanto alcuni potrebbero interagire tra loro e causare effetti collaterali seri.

Le persone che hanno altre condizioni di salute dovrebbero parlare con il medico prima di assumerlo, soprattutto coloro che hanno:

Diabete, in quanto può interferire con i livelli di zucchero nel sangue
Epilessia o una storia di convulsioni, in quanto può causare convulsioni
Disturbi di coagulazione del sangue, in quanto può aumentare il rischio di sanguinamento
Gravidanza o allattamento, in quanto può essere pericoloso per il bambino.

Amazon product

Articoli recenti

I più letti