mercoledì - 19 Giugno - 2024

La borseggiatrice diventata famosa sui social e diventata mamma e ora eviterà il carcere

Grazie a dei video che hanno riscosso grande popolarità sul web, una famosa borseggiatrice che dichiarava pubblicamente “Dobbiamo rubare, è il nostro lavoro” è ora diventata madre.

“Dritto e Rovescio”, il programma televisivo che ha già affrontato l’argomento dei furti nelle metropolitane delle principali città, con particolare attenzione a Milano, ha deciso di ritornare sulla storia di questa donna, divenuta noto volto di alcuni video che hanno circolato sui social media mesi fa.

Durante una delle sue apparizioni nel programma di Paolo Del Debbio, la donna ha dichiarato di chiamarsi Laura, ma le autorità la conoscono con il nome di Jennifer.

[presto_player id=4032]

Un testimone intervistato da Rete 4 ha rivelato che Laura-Jennifer potrebbe far parte di un network criminale più ampio, guidato da un individuo conosciuto come “Bimbo”. Quest’ultimo sarebbe il capo di un’organizzazione che gestisce i furti in molte parti d’Europa.

Secondo il testimone, Bimbo avrebbe costretto Laura-Jennifer a rubare dopo aver rapito il suo marito a Barcellona. “Bimbo ha detto che sarebbe stato meglio se lei fosse incinta, così potremmo mandarla in Italia. L’Italia non prenderà provvedimenti contro una donna incinta”, ha dichiarato il testimone. Secondo il suo racconto, i profitti derivati dai furti di Laura-Jennifer erano notevoli, con guadagni mensili che potevano raggiungere gli 8.000 euro, sommando a cifre tra 50.000 e 80.000 euro in un periodo di tre mesi.

Alcune sue “colleghe” sostengono di non vederla da mesi, speculando sul fatto che potrebbe essersi trasferita a Roma o nel suo paese d’origine. Il testimone, tuttavia, ha fornito ulteriori dettagli sul suo destino: “Jennifer è fuggita. Si trova da qualche parte in Europa, ma non so dove. Potrebbe essere in Spagna, Francia o Germania. Ciò che è certo è che ha dato alla luce un bambino e sta vivendo una vita agiata”.

Massimiliano Pirola, un agente di polizia del SAR di Milano, ha spiegato che Laura-Jennifer è riuscita a evitare l’arresto prima della sua fuga grazie alla sua gravidanza. “La legge permette a queste donne di rimanere libere durante la gravidanza e fino a quando il bambino non compie un anno. È una tattica che sfruttano per evitare la detenzione”, ha affermato.

Articoli recenti

I più letti