martedì - 5 Marzo - 2024

Si spaccia per chirurgo ma ha la terza media: ricercato in tutto il mondo l’italiano Matteo Politi

Presentandosi come un chirurgo estetico, specializzato in “cosmetic and aesthetic medicine”, un uomo riuscì ad ingannare molti, nonostante il suo unico titolo di studio fosse un diploma di terza media.

Senza possedere neanche un diploma di scuola superiore, e ancor meno una laurea in medicina o una specializzazione, l’individuo ha proclamato per oltre 15 anni, prima in Italia e successivamente all’estero, di essere un medico di fama, autoproclamandosi “dottore dei vip” in chirurgia plastica.

Il truffatore, di nome Matteo Politi, ha esercitato in diverse cliniche, prendendosi cura di centinaia di pazienti. Nel 2010, la sua vera identità è stata svelata a Verona. Dopo essere stato denunciato e processato per truffa, Politi ha patteggiato una pena di un anno e mezzo, sospesa. Una vigilessa, come riferito dal Corriere, insoddisfatta dei trattamenti ricevuti da lui, ha contribuito a smascherarlo, rivelando che aveva lavorato anche in pronto soccorso e in due ospedali a Verona.

Una volta escluso dal panorama medico italiano, Politi si è trasferito a Bucarest, Romania. Lì ha lavorato in quattro rinomate cliniche, ma non senza alterare la sua identità. Presentandosi come Matthew Mode, un chirurgo plastico britannico, ha continuato a ingannare i pazienti. Nel 2019, però, è stato nuovamente scoperto durante un intervento. Alcune infermiere che lo stavano assistendo hanno notato le sue inabilità quando un’operazione che avrebbe dovuto durare un’ora si è protratta per ben quattro ore. Successivamente, è stato giudicato colpevole di truffa e condannato a tre anni e 10 mesi di reclusione, sentenza resa definitiva nel marzo di quell’anno.

Ora, Politi dovrebbe essere in prigione, ma è risultato latitante. È stato emesso un mandato di esecuzione della pena nei suoi confronti. Si sospetta che si trovi a Hong Kong, Asia, dove potrebbe aver cercato rifugio per sfuggire alla giustizia e tentare un nuovo inizio.

Articoli recenti

I più letti