giovedì - 29 Febbraio - 2024

Arrabbiarsi per 30-40 minuti al giorno può essere molto utile, secondo uno studio scientifico

In un solo giorno della nostra vita, possiamo provare emozioni diverse a seconda delle situazioni che viviamo. Gioia, tristezza, ansia, rabbia… La realtà è che molte volte, quando proviamo quest’ultima emozione, possiamo persino sentirci in colpa. Non preoccuparti, ora puoi avere un supporto scientifico per arrabbiarti senza sensi di colpa. Ma c’è poco tempo per questo!

  1. Ottimo per la salute del cervello:

Il Dr. Eduardo Calixto González, accademico presso la Facoltà di Psicologia dell’Università Nazionale Autonoma del Messico, spiega come le sostanze nel cervello siano coinvolte nel processo di rabbia. Secondo lui, sentirsi arrabbiati provoca il rilascio di noradrenalina (un ormone responsabile dell’aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca), dopamina e glutammato. Allo stesso tempo, i livelli di serotonina e vasopressina diminuiscono. In altre parole, quando ci si arrabbia, immediatamente la parte più logica del cervello viene disattivata e l’attività respiratoria e cardiovascolare aumenta.

  1. Intensifica la nostra capacità di attenzione:

Proprio annullando la parte più logica e congruente del cervello e attivando l’attività cardiovascolare e respiratoria, l’individuo arrabbiato si sente pronto a fuggire, il che accentua la sua capacità di attenzione della memoria. Calixto ha rivelato che grazie a questo processo, la persona arrabbiata presta più attenzione ad alcuni dettagli rispetto a un altro momento in cui non lo farebbe.

  1. Ci rende più competitivi:

Calixto González sottolinea anche che la rabbia, o la sensazione di disgusto, accade nel sistema nervoso centrale e questo è il modo in cui deve manifestarsi, essere contro o semplicemente mostrare qualche tipo di disagio e ottenere un beneficio. Ma quando sappiamo come gestire la rabbia nel modo giusto, la nostra capacità di essere competitivi aumenta ed è piuttosto vantaggiosa.

  1. Qual è il modo corretto?

Il medico dice che arrabbiarsi è utile se lo fai per 30 o 40 minuti. Qualsiasi rabbia che dura più a lungo di questo può essere dannosa. Ci sono persone che possono arrabbiarsi fino a quattro ore, che è già considerata rabbia patologica. E c’è una spiegazione: dopo 30-40 minuti al giorno, inizia il secondo stadio della rabbia.

  1. La seconda fase della rabbia:

Il secondo stadio della rabbia consiste nell’aumento dei livelli sierici di cortisolo, un ormone direttamente correlato allo stress, e c’è anche un cambiamento nel glucosio a livello plasmatico. Può essere peggio! Quando superiamo quel tempo consentito, il cortisolo cerca di adattarci in determinate condizioni e la rabbia diventa una risposta funzionale del sistema nervoso centrale.

  1. Il cervello arrabbiato vuole avere ragione:

Secondo lo studio di Eduardo Calixto, il cervello della persona arrabbiata vuole sempre avere ragione e, più di questo, ha bisogno di sentire che lo è. Ecco perché la cosa peggiore che possiamo dire a qualcuno arrabbiato è il famoso consiglio: “Calmati”. In realtà, l’unica cosa che otterremo è modificarlo ancora di più. Disastro tremendo!

  1. È possibile controllare la rabbia?

Potrebbe non essere qualcosa di nuovo, ma quando siamo giovani sentiamo la rabbia più intensamente. Il medico dell’UNAM dice che dopo 35 o 40 anni la sensazione diventa più selettiva e più facile da controllare in un periodo di tempo più breve. D’altra parte, ha anche affermato che dopo 40 minuti di rabbia, l’emozione deve essere autolimitante, quindi se qualcuno dura più a lungo arrabbiato è perché sta recitando o ha un processo di apprendimento che consiste nell’arrabbiarsi per ottenere ciò che vuole.

Articoli recenti

I più letti