venerdì - 21 Giugno - 2024

Cosa succede al cervello durante la morte? Svelato il mistero

Gli scienziati lavorano incessantemente per comprendere cosa avviene al cervello durante la morte. Molte persone, quando si trovano sull’orlo della morte, riferiscono di vedere luci bianche e di incontrare parenti perduti da tempo.

Gli esperti sostengono che nel cervello si registrano attività legate a sogni, allucinazioni visive nell’epilessia e stati alterati di coscienza.

In uno studio recente, i ricercatori hanno esaminato quattro pazienti in coma, che erano in fin di vita dopo aver subito un arresto cardiaco.

Per monitorare l’attività elettrica del cervello durante la morte, gli scienziati hanno utilizzato un elettroencefalogramma (EEG). Con il consenso delle loro famiglie, il supporto vitale dei pazienti è stato interrotto quando è stato stabilito che non potevano più ricevere assistenza medica.

Nel momento in cui il ventilatore che li teneva in vita è stato rimosso, si è osservato un aumento della frequenza cardiaca e dell’attività delle onde gamma nel cervello di due dei pazienti. Le onde gamma sono le più veloci tra quelle presenti nel cervello e sono associate alla coscienza. Entrambi i pazienti avevano precedentemente sofferto di convulsioni, ma non nell’ora precedente alla loro morte.

Il dottor George Mashour, coautore dello studio e direttore fondatore del Michigan Center for Consciousness Science, si riferisce a un “paradosso neuroscientifico” relativo all’esperienza nel cervello durante la morte. Non è ancora chiaro quanto vivida possa essere l’esperienza in un cervello disfunzionale in tale stato.

Gli altri due pazienti, invece, non hanno mostrato lo stesso aumento della frequenza cardiaca o dell’attività cerebrale. Questa ricerca fa seguito a uno studio condotto su animali quasi 10 anni prima, in cui segnali simili di attivazione gamma erano stati registrati nei cervelli morenti di animali e umani in seguito a una perdita di ossigeno dovuta a un arresto cardiaco.

Il team di ricerca mette in guardia riguardo alle conclusioni generali che si possono trarre dai risultati, dato che la dimensione del campione era piccola. Inoltre, non è possibile sapere cosa provassero effettivamente i pazienti, poiché non sono sopravvissuti.

Il professor Jimo Borjigin, autore principale dello studio e docente presso l’Università del Michigan, afferma che i risultati sono decisamente entusiasmanti, ma non è possibile stabilire correlazioni tra le firme neurali della coscienza osservate e un’esperienza corrispondente nei pazienti coinvolti nello studio.

Per ottenere una comprensione più approfondita del cervello durante la morte, sono necessari studi più ampi e dettagliati. Essi potrebbero fornire dati cruciali per determinare se queste esplosioni nell’attività gamma siano o meno la prova di una coscienza nascosta anche vicino alla morte. I risultati ottenuti finora rappresentano un passo importante nella ricerca e offrono un nuovo quadro per comprendere la coscienza nascosta negli esseri umani morenti.

Ulteriori ricerche potrebbero anche esplorare le differenze tra i pazienti che mostrano un aumento delle onde gamma e quelli che non lo fanno, cercando di individuare possibili fattori che influenzano queste differenze. Inoltre, potrebbero essere indagati altri metodi per monitorare l’attività cerebrale e le esperienze delle persone durante la morte, al fine di fornire un’immagine più completa del fenomeno.

In conclusione, nonostante le limitazioni e le incertezze, gli studi finora condotti forniscono importanti spunti per ulteriori ricerche sul cervello durante la morte. La comprensione di questo mistero potrebbe avere implicazioni significative per il modo in cui affrontiamo la fine della vita, sia dal punto di vista medico che etico.

Questa ricerca contribuisce a far luce su un aspetto ancora poco conosciuto dell’esperienza umana e potrebbe portare a una migliore comprensione della coscienza e del suo rapporto con la vita e la morte.

Articoli recenti

I più letti