venerdì - 21 Giugno - 2024

Gravissimo lutto nel mondo dello spettacolo: “Ho aspettato che ti svegliassi, invece ci hai lasciato”

L’attrice di Messina, Maria Grazia Cucinotta, che ha recentemente festeggiato il suo 55° compleanno il 27 luglio, è in profondo lutto per la morte dell’amica Sabrina Giambartolomei, nota event producer nel campo cinematografico. “Aspettavo che ti svegliassi e che tutto riprendesse con le tue risate e abbracci dove tornavi bambina e io ti stringevo forte…invece hai proseguito il tuo viaggio fuori da questo mondo, lasciandoci tutti con un vuoto infinito. Sabrina, amore mio, amica del cuore. Tvb per sempre”, recita la didascalia della foto condivisa da Cucinotta che le mostra in un tenero abbraccio. L’attrice non ha rilasciato ulteriori dettagli.

Una festa di compleanno a sorpresa

Pochi giorni fa, Maria Grazia Cucinotta condivideva con i suoi follower un momento di felicità. Il 27 luglio, l’interprete del film “Il Postino” ha festeggiato il suo 55° compleanno in compagnia di familiari, amici e colleghi che le hanno organizzato una festa a sorpresa a Palazzo Brancaccio, a Roma. “Queste cose non si fanno, perché a 55 anni una donna è emotiva”, ha commentato commossa l’attrice per la sorpresa. “Grazie a tutti voi per gli auguri e per l’amore, vi voglio bene assai”, ha poi aggiunto.

Un amore di 30 anni con Giulio Violati

Maria Grazia Cucinotta è unita da quasi tre decenni all’imprenditore romano Giulio Violati. Dalla loro relazione è nata una figlia, Giulia, che quest’anno raggiungerà i 22 anni. “Ci siamo conosciuti la notte di Capodanno del 1994 a casa di Massimo Santoro”, ha ricordato l’attrice ospite di “Verissimo” insieme al marito, “Io e Giulio abbiamo iniziato a parlare e inizialmente non mi ha fatto una bella impressione, mi sembrava il classico ragazzino un po’ viziato. Sono andata via dalla festa, due giorni dopo mi ha chiamata e mi ha detto ‘Sei pronta? Ti voglio sposare’ e ho messo giù. Poi ero anche bello come il sole e non ha resistito. Io cercavo di essere rigida ma mi faceva ridere e ho ceduto”.

10 anni negli Stati Uniti e un marito che non la segue

Durante questi lunghi anni, non sono mancati i momenti di difficoltà. “Sono stata in America per dieci anni, dove lui non mi ha voluta seguire perché è un romano radicato a casa”, ha confessato Maria Grazia Cucinotta, “Con la distanza si perde la quotidianità di un rapporto. A un certo punto eravamo diventati quasi due estranei. Io ero troppo presa dal lavoro, avevamo perso la privacy, ho trascurato la cosa che più mi rendeva felice”. “Se stiamo insieme da trent’anni è tutto merito di Maria Grazia. Lei è un dono di Dio. È paziente, buona, più bella dentro che fuori. Poi l’altro dono è nostra figlia Giulia”, ha aggiunto Giulio Violati, “Io ho un brutto carattere, sono fumantino, tignoso, molto geloso”.

Articoli recenti

I più letti