domenica - 16 Giugno - 2024

La mamma di Giulia Tramontano: “Faccio una cosa stupida, le mando ancora messaggi”

[presto_player id=2880]

Il corpo di Giulia Tramontano, la donna di 29 anni incinta di sette mesi scomparsa domenica, è stato rinvenuto. Il fidanzato, Alessandro Impagnatiello, è stato arrestato dopo aver ammesso di aver commesso l’omicidio. Solo il giorno prima, durante la trasmissione “Chi l’ha visto“, la madre della vittima aveva rivolto un appello disperato a sua figlia: Chiamami, mandami un messaggio, aveva detto piangendo, confessando che continuava a inviarle messaggi, nonostante sapesse che era un gesto vano.

L’ultimo scambio di parole con la figlia

L’ultima volta che Giulia e sua madre si sono scambiate parole è stato sabato 27 maggio. “Non preoccuparti mamma, sto andando a letto”, aveva scritto la 29enne. Solo poche ore prima aveva scoperto che il suo compagno, Impagnatiello, aveva una relazione con un’altra donna, che era anche incinta. Dopo una discussione, Giulia aveva confidato a un’amica di sentirsi “agitata”.

Potrebbe anche interessarti:  Antonella Clerici ricoverata e operata d'urgenza: come sta e cosa è successo

Il giorno successivo, la madre non riesce più a raggiungere sua figlia. I messaggi restano senza risposta e quando prova a chiamarla, il telefono risulta spento. Questa situazione insolita preoccupa la madre che vive nella provincia di Napoli. La loro routine prevedeva una chiamata ogni domenica mattina e lunghe chiacchierate.

Alessandro Impagnatiello ammette l’omicidio

Domenica pomeriggio, la madre riceve una chiamata dal fidanzato di Giulia. Le chiede notizie di Giulia e le informa che sta per andare dai carabinieri a segnalare la sua scomparsa. “Abbiamo lasciato Napoli a mezzanotte e siamo arrivati a Senago lunedì mattina alle 8:30”, ha raccontato la madre della 29enne.

Nei giorni successivi, le ricerche si sono concentrate nell’area milanese, fino a quando non è stato scoperto il corpo e il fidanzato non ha confessato il delitto. È stato lui a rivelare dove si trovava il corpo: era nascosto in un interstizio dietro un edificio utilizzato come garage.

Ciò che è noto finora è che nella casa a Senago sono state scoperte numerose tracce di sangue.

Articoli recenti

I più letti