martedì - 25 Giugno - 2024

Minibus precipita nella scarpata: 24 morti, almeno due bambini. Andavano al mercato

Un tragico incidente stradale ha causato la morte di 22 passeggeri, tra cui due bambini, su un minibus in Marocco. Due donne, inizialmente soccorse e ricoverate d’urgenza all’ospedale di Denmate, il centro più vicino, purtroppo non sono riuscite a sopravvivere.

Stando alle prime ricostruzioni della polizia stradale, l’incidente è avvenuto quando il minibus è finito in una scarpata dopo una curva sulla strada regionale n.302. L’incidente ha provocato un volo di circa 60 metri che non ha lasciato scampo ai 24 occupanti del bus, diretti al mercato domenicale di Demnate, un piccolo borgo rurale a pochi chilometri dal luogo della tragedia.

Una Strada Notoriamente Pericolosa

La strada dove è avvenuto l’incidente è nota per le sue curve a gomito pericolose. Nonostante ciò, non esistono percorsi alternativi per raggiungere il souk settimanale che raduna gli agricoltori della provincia. In Marocco, gli autocarri e i minibus sono i mezzi di trasporto più utilizzati per gli spostamenti tra piccoli centri, dato che non tutto il territorio è servito da collegamenti pubblici garantiti.

L’Alto Tasso di Incidenti Stradali in Marocco

Gli incidenti stradali in Marocco registrano bilanci pesanti: l’anno scorso sono state 3.200 le vittime su una popolazione complessiva di 37 milioni di abitanti, concentrate per lo più nei grandi centri urbani. Dopo un grave incidente nel 2012 che ha causato 42 morti, provocando uno shock per l’intera nazione, il governo ha varato un piano di sicurezza volto a ridurre il tasso di incidenti e di mortalità entro il 2026.

Nonostante questi sforzi, gli incidenti continuano a verificarsi. Ad agosto dell’anno scorso, un altro incidente alla periferia di Casablanca ha ucciso 23 viaggiatori e ne ha feriti altri 36, tutti cittadini che cercavano di raggiungere le zone di campagna ai piedi dell’Alto Atlante. Questi tragici eventi sottolineano l’urgenza di migliorare la sicurezza stradale in Marocco.

Articoli recenti

I più letti