venerdì - 21 Giugno - 2024

Sorelline stuprate a Palermo: “Mamma e papà sapevano tutto, lei ci faceva prendere la pillola”

In una famiglia di Monreale, un comune situato vicino a Palermo, si è verificata una storia agghiacciante di abusi sessuali a lungo termine perpetrati da membri maschili della famiglia stessa. Le vittime sono due sorelle, di cui la più giovane ha oggi 13 anni e la più anziana 20. Le violenze sono iniziate quando la più piccola aveva solamente 6 anni e si sono estese fino al 2023.

Una delle sorelle ha esposto la terribile situazione durante una conversazione a scuola con le sue insegnanti, tra cui un’insegnante di sostegno. Ha rivelato che gli abusi si verificavano quando non c’erano altri membri della famiglia in casa.

Gli autori di questi crimini sarebbero il nonno, lo zio e il padre delle vittime. Secondo le testimonianze, la madre delle due ragazze era a conoscenza degli abusi, ma non ha intrapreso alcuna azione per impedirli. In un resoconto particolarmente sconcertante, una delle sorelle ha dichiarato che la madre le aveva fornito la pillola anticoncezionale all’età di nove anni per paura che fosse rimasta incinta a seguito degli abusi.

Gli accusati sono attualmente in custodia cautelare in carcere, su ordine del Gip di Palermo, in attesa di processo per violenza sessuale, violenza sessuale di gruppo, e lesioni personali. Gli addebiti includono l’aggravante di aver commesso questi atti su discendenti, con abuso di autorità e nei confronti di minori di 10 anni.

Il sindaco di Monreale, Alberto Arcidiacono, è intervenuto sulla questione, esprimendo il suo sgomento e la sua condanna per gli atti violenti. Ha inoltre sottolineato la necessità di assegnare più fondi e poteri ai comuni per implementare progetti educativi nelle scuole che contrastino la violenza.

Questo caso sconcertante mette in luce l’urgenza di affrontare e prevenire la violenza sessuale, soprattutto all’interno del nucleo familiare, un luogo che dovrebbe essere un rifugio sicuro per tutti i suoi membri.

Articoli recenti

I più letti