martedì - 25 Giugno - 2024

Trovato vicino a un cassonetto neonato avvolto dalle coperte con un peluche: “partorito da due ore”

Nel cuore di Taranto, questa mattina, è stata fatta una scoperta sconcertante: un neonato è stato trovato abbandonato vicino a un cassonetto, racchiuso in una busta di plastica. La segnalazione è arrivata grazie a una passante che ha udito i pianti del piccolo. Immediatamente sul luogo dell’accaduto sono giunti gli agenti della Polizia e una squadra del 118. Nonostante le circostanze, il neonato, che era appena nato, è stato prontamente trasportato in ospedale e si trova ora sotto l’attenta cura dei medici. Sta bene e il personale sanitario gli ha dato il nome di Lorenzo. L’episodio si è verificato in via Pisanelli, all’incrocio con via Principe Amedeo.

Dettagli sul ritrovamento

Intorno alle ore 7, una donna che stava portando fuori i suoi cani ha notato la busta, attirata dai vagiti del bimbo. All’interno della busta, il piccolo era avvolto in una coperta e c’era anche un peluche vicino a lui. Senza perdere tempo, la donna ha chiamato i soccorsi. Il personale medico del 118 è intervenuto prontamente e ha trasportato il piccolo all’ospedale Santissima Annunziata. Dai primi riscontri dell’ASL, Lorenzo è in condizioni salute eccellenti.

L’analisi del cordone ombelicale, ancora fresco e attaccato al piccolo, suggerisce che il parto potrebbe essersi verificato solamente un paio d’ore prima del ritrovamento. Questo particolare solleva preoccupazioni per la madre, poiché se non ha ricevuto le cure adeguate potrebbe correre il rischio di emorragia.

Il professor Federico Schettini, responsabile dell’Unità di terapia intensiva neonatale (Utin), sta supervisionando personalmente la cura di Lorenzo, che è coccolato e protetto da tutto lo staff. C’è un grande desiderio, espresso anche dall’ASL, che la madre possa mettersi in contatto. La Polizia di Stato, presente sul luogo, ha iniziato le indagini e sta visionando le registrazioni delle telecamere di videosorveglianza dell’area.

Appello aiuto immediato: “Chiamate il 118”

Mario Balzanelli, presidente della Società Italiana Sistema 118 (Sis118), ha lanciato un appello alle donne e in particolare alle madri che attraversano un periodo di difficoltà psicologica o di crisi. Ha sottolineato l’importanza di contattare il 118 prima di compiere qualsiasi gesto avventato. Ha assicurato che il servizio 118 agirà immediatamente, giungendo sul posto in breve tempo e attivando tutti i protocolli necessari. “Veniamo noi da voi. Chiamate il 118 nei momenti più difficili”, ha enfatizzato il medico.

Articoli recenti

I più letti