venerdì - 21 Giugno - 2024

17enne travolto da un poliziotto ubriaco: alla mamma una fattura di 183 euro per pulire il sangue dalla strada

Il lato disumano della burocrazia: Claudio Pavan e Barbara Vedelago l’hanno sperimentato in modo devastante. Il 22 maggio 2022, la loro tragica esperienza inizia quando un poliziotto, che si scoprirà poi essere stato sotto effetto dell’alcool, investe e causa la morte del loro giovane figlio di 17 anni, Davide.

Il trauma non finisce qui: inaspettatamente, la coppia riceve una fattura di 183 euro. Questa fattura è per la “Bonifica dell’area con smaltimento dei rifiuti e assorbente per sversamento liquidi“. Gli viene richiesto di coprire le spese per pulire il luogo del tragico incidente – un compito che include la rimozione del sangue di Davide e dei liquidi del motore sparsi sull’asfalto. Una richiesta che, purtroppo, hanno soddisfatto.

La madre di Davide, intervistata dal Corriere del Veneto, esprime la sua incredulità e sgomento. “Pensavamo fosse un errore o un crudele scherzo”, racconta. Illustra poi come la richiesta riguardasse specificamente la pulizia del luogo dell’incidente, evidenziando la crudezza e la disumanità della situazione.

La storia si complica ulteriormente. L’agente responsabile dell’incidente, Samuel Seno, 31 anni, dopo il fatto, ha accettato un accordo per una pena di 3 anni e 6 mesi. Nonostante la gravità dell’atto, a lui vengono concesse delle attenuanti generiche. Inoltre, i suoi legali stanno cercando una pena alternativa al carcere per lui, e l’agente è già tornato in servizio. La madre di Davide esprime la sua frustrazione con il sistema giudiziario: “Anche se fosse finito in prigione, non avrei riavuto mio figlio”, dice con tristezza. Tuttavia, critica la legge per essere “troppo morbida” con chi provoca un incidente mortale. Concludendo, sottolinea che la fattura per la bonifica è solo uno dei molti sintomi di un sistema fallato. La famiglia, durante questo periodo, si è sentita isolata e ignorata, come se il loro dolore non avesse alcun valore.

Articoli recenti

I più letti