domenica - 16 Giugno - 2024

59enne riceve lettera di licenziamento e tenta il suicidio: salvato in extremis dai carabinieri

Un uomo di 59 anni di Catania, in preda alla disperazione dopo aver ricevuto una lettera di licenziamento, ha minacciato di gettarsi da un edificio, ma è stato salvato dai carabinieri. L’incidente si è verificato la mattina del 29 giugno, intorno alle 10, quando l’uomo è salito sulla terrazza di uno degli edifici del polo fieristico “Le Ciminiere”.

Dopo aver oltrepassato il parapetto, si è messo a cavalcioni su una trave perimetrale esterna, situata a circa 20 metri di altezza dal suolo, gridando con tutte le sue forze e annunciando la sua intenzione di gettarsi.

Casualmente, alcuni passanti hanno notato l’uomo, visibilmente scosso e seminudo, seduto con le gambe pendenti nel vuoto su una struttura in ferro che sporgeva a diversi metri dall’edificio, senza alcun dispositivo di sicurezza. I testimoni hanno immediatamente chiamato il numero di emergenza 112 per segnalare l’incidente.

In risposta all’allarme, i carabinieri del nucleo radiomobile di Catania sono intervenuti sul posto. In poco tempo, hanno raggiunto il complesso fieristico, contattando nel frattempo sia i servizi medici del 118, sia i vigili del fuoco per l’installazione di un telone di salvataggio.

Tra i soccorritori c’era anche il comandante del nucleo radiomobile. Una volta raggiunto il tetto, i militari sono riusciti a instaurare un dialogo con l’uomo sul punto di commettere il suicidio, riuscendo a guadagnare la sua fiducia. Non è stato un compito facile, poiché il 59enne soffre di una patologia che causa frequenti capogiri e svenimenti.

Ascoltando attentamente le ragioni del suo disperato gesto, legate al licenziamento recentemente subito, i carabinieri sono riusciti a confortare l’uomo e a persuaderlo a rinunciare alla sua drammatica intenzione. Successivamente, l’uomo è stato condotto in una zona sicura e affidato alle cure del personale medico.

Articoli recenti

I più letti