giovedì - 22 Febbraio - 2024

“Giulia Cecchettin aggredita dall’ex: colpita alle spalle mentre fuggiva, poi caricata in auto sanguinante ed esanime”: la scena in un video

Giulia Cecchettin, una donna di 22 anni, è stata brutalmente aggredita da Filippo Turetta, il suo ex fidanzato. Questo tragico evento si è svolto nei pressi dell’azienda Christian Dior situata in via Quinta Strada a Vigonovo. Una telecamera di sicurezza ha catturato l’intero episodio, fornendo prove cruciali dell’attacco.

Nel dettaglio, il video mostra Giulia e Filippo in una violenta colluttazione, durante la quale Giulia subisce ferite gravi, perdendo molto sangue. Secondo gli inquirenti, Filippo ha agito con l’intento chiaro di uccidere Giulia, colpendola ripetutamente per prevenire ogni sua possibile fuga. In un momento particolarmente cruento, Giulia, colpita a terra, grida “mi fai male” cercando disperatamente aiuto.

Dopo l’aggressione iniziale, Filippo è stato visto spostare Giulia, ormai gravemente ferita, in un’altra area utilizzando la sua auto. Nonostante Giulia abbia tentato di scappare, Filippo l’ha inseguita e colpita alle spalle, provocandone la caduta e causando ulteriori ferite e sanguinamento. Infine, ha caricato il corpo di Giulia, ormai esanime, nella sua auto, fuggendo dalla scena del crimine.

L’aggressione, avvenuta sulla strada di Fossò, ha lasciato sul luogo macchie di sangue e capelli di Giulia, che sono stati raccolti per l’analisi del DNA. Interessante notare che in zona è stato trovato anche dello scotch con capelli attaccati.

La procura di Venezia, in risposta a questi orribili eventi, ha accusato formalmente Filippo Turetta di tentato omicidio e ha ordinato una perquisizione della sua abitazione a Torreglia, nel Padovano, che è durata oltre tre ore.

Sia Giulia che Filippo sono scomparsi da sei giorni. Le forze dell’ordine stanno conducendo ricerche estese in molteplici aree, compresi campi, canali e lungo il fiume Piave, per trovare tracce dei due. Queste ricerche includono le strade del Trevigiano, che Filippo avrebbe attraversato con la sua auto, una Fiat Grande Punto nera. Gli sforzi si sono estesi fino alle Dolomiti di Sesto, un’area che Filippo conosce bene, avendovi trascorso alcuni periodi di vacanza negli anni precedenti.

Articoli recenti

I più letti