mercoledì - 24 Luglio - 2024

Il farmacista confonde le medicine, mamma assume per errore la pillola abortiva e perde i suoi gemellini

Timika Thomas ha subito una devastante perdita a causa di un tragico errore farmaceutico. Dopo aver investito tempo, energia e risorse in un costoso trattamento di fecondazione in vitro (IVF), era finalmente riuscita a concepire.

A causa della natura delicata della sua gravidanza, il suo medico le aveva consigliato l’uso di particolari ovuli da introdurre per sostenere l’attecchimento del feto.

L’Errore Devastante

Mamma di quattro figli, Timika si è recata presso la filiale CVS a North Las Vegas per ritirare la prescrizione medica. Dopo aver assunto due delle dosi prescritte, ha avvertito immediatamente dei forti crampi. Esaminando attentamente la confezione, ha fatto una scoperta scioccante: ciò che aveva assunto era una pillola abortiva, non il medicinale che le era stato prescritto.

A causa di questo grave errore, i gemellini che Timika portava in grembo non sono sopravvissuti e, nonostante tutti gli sforzi e l’impegno, la sua gravidanza si è conclusa in modo tragico.

La Battaglia Legale in Corso

Gli errori nella pratica medica e farmaceutica hanno conseguenze devastanti. I farmacisti coinvolti nell’incidente sono stati sospesi dall’ordine professionale e sono stati costretti a pagare un risarcimento a Timika. Tuttavia, emergono ulteriori dettagli: sembra che la ricetta avesse un nome errato, portando i farmacisti a commettere l’errore. Nonostante ciò, avrebbero dovuto informare Timika sul tipo di medicinale che stava per assumere, secondo le procedure standard.

Distrutta dalla perdita, Timika sta ora intraprendendo una battaglia legale. Ha dichiarato: «Tutto quello che ho ricevuto come risposta è stato un “mi dispiace”. Ma questo non basta e non basterà mai». La sua storia sottolinea l’importanza della precisione e dell’attenzione nei dettagli in ambito medico e farmaceutico.

Articoli recenti

I più letti