giovedì - 29 Febbraio - 2024

In ospedale per mal di pancia, era incinta: poi la diagnosi shock

In un incredibile episodio medico, alcuni medici sono rimasti sbalorditi nel scoprire che una donna, che si lamentava di dolori di stomaco, era inconsapevolmente incinta di 23 settimane. Il bambino si stava sviluppando in una posizione insolita, adiacente al suo intestino.

Sintomi Insoliti Portano a Scoperta Straordinaria

La donna, 37enne, ha iniziato a sperimentare un strano dolore all’addome e gonfiore nell’arco di dieci giorni. Preoccupata per la sua salute, si è recata in ospedale per controlli. I medici, dopo una scansione, hanno scoperto qualcosa di totalmente inaspettato.

Gravidanza Extrauterina: Un Caso Raro e Complicato

Il New England Journal of Medicine ha riportato che nella donna si stava sviluppando un feto normalmente formato all’interno della sua cavità addominale, localizzato tra lo stomaco e l’intestino. Questo tipo di gravidanza, nota come gravidanza extrauterina, è solitamente associata a un’alta probabilità di perdita del bambino. In questo caso, i medici hanno incredibilmente portato a termine la gravidanza, permettendo la nascita del bambino alla 29ª settimana e la successiva dimissione di madre e neonato dopo tre mesi.

Complessità della Gravidanza Ectopica e Intervento Chirurgico

La gravidanza si stava sviluppando nella cavità peritoneale, un’area che contiene organi vitali, con la placenta attaccata alla parte superiore del bacino. Le gravidanze ectopiche sono rare e generalmente si verificano nelle tube di Falloppio. In questo caso, i chirurghi hanno dovuto affrontare una situazione molto delicata, data la posizione unica del feto.

Rischi Elevati e Decisioni Critiche

Le gravidanze extra uterine presentano rischi elevati: solamente una gravidanza su 30.000 si verifica nell’addome, e la probabilità di perdere il bambino è alta, con una percentuale che arriva al 90%. Inoltre, i bambini che sopravvivono hanno una possibilità su cinque di sviluppare difetti congeniti o danni cerebrali.

Attesa Angosciante e Lieta Conclusione

La donna, originaria dell’Isola della Riunione, si è diretta in Francia per le cure. I medici hanno deciso di aspettare fino alla 29ª settimana per aumentare le possibilità di sopravvivenza del bambino. Nonostante la possibilità di un parto prematuro a 24 settimane, con un tasso di sopravvivenza del 68%, hanno optato per aspettare, migliorando notevolmente le probabilità di sopravvivenza a 80-90% a 29 settimane. Dopo un intervento di successo e la rimozione della placenta, la donna ha potuto finalmente portare a casa il suo bambino, accolto calorosamente dai suoi altri due figli.

Articoli recenti

I più letti