martedì - 25 Giugno - 2024

Lascia bambina di 11 mesi e il cane chiusi in macchina per andare dall’amica: morti soffocati

Una tragica vicenda ha avuto luogo negli USA, dove una bambina di 11 mesi è stata trovata morta, soffocata all’interno di un’auto. La piccola era stata lasciata lì per ore da una donna a cui la madre 17enne l’aveva affidata. Il macabro ritrovamento è avvenuto martedì quando un uomo ha segnalato la situazione al pronto soccorso di un ospedale locale, affermando che la bimba era in un sacco della spazzatura nero.

Le indagini condotte dalla polizia hanno portato all’arresto di Kristen Danielle Graham, 40 anni, di Yorktown, riconosciuta come la badante della bambina. La donna era solita prendersi cura della bambina per periodi anche prolungati, data la giovane età della madre. In base a quanto ricostruito dagli inquirenti, la madre aveva affidato la piccola a Graham da due giorni. Nella notte di martedì, intorno all’una, Graham riceve una telefonata da un’amica che le chiedeva delle sigarette. L’amica stava assistendo un uomo anziano a Newport News.

Senza esitare, Graham ha posto la bambina di 11 mesi e un piccolo cagnolino nel posteriore dell’auto e si è recata dall’amica, fermandosi durante il tragitto. È rimasta presso l’amica fino al mattino successivo, rientrando a casa sua intorno alle 8. Tuttavia, ha lasciato sia la bambina sia il cane addormentati nell’auto chiusa. Il portavoce della polizia ha dichiarato: “Ha chiuso i finestrini dell’auto e ha lasciato il cane e la bambina nel veicolo”.

Sia la bimba sia il cagnolino sono rimasti rinchiusi nella macchina per oltre sei ore. Nel pomeriggio, svegliata da una chiamata, Graham ha controllato la situazione, trovando sia la piccola sia il cane morti. Ha poi portato la bambina in casa e l’ha messa in un sacchetto di plastica nera prima di essere portata in ospedale.

Graham è stata arrestata con l’accusa di abbandono di minori e crudeltà sugli animali. Si attendono i risultati dell’autopsia che, se confermeranno la morte per asfissia, potrebbero portare a una nuova accusa di omicidio.

Articoli recenti

I più letti