martedì - 5 Marzo - 2024

Scoperta shock: quando moriamo, ci rendiamo conto di cosa ci sta accadendo

Gli scienziati hanno fatto progressi significativi nel comprendere uno dei misteri più profondi dell’esistenza umana: cosa succede quando siamo sull’orlo tra la vita e la morte. Hanno esaminato individui che hanno sopravvissuto ad arresti cardiaci, fornendo così una rara prospettiva su ciò che si prova in quello stato liminale.

Si ritiene che una persona sia deceduta quando cessa il funzionamento del cuore o del cervello. Tuttavia, gli scienziati hanno scoperto che, in alcuni casi, il cervello può rimanere attivo anche dopo che il cuore ha smesso di battere. Questa scoperta porta a una domanda intrigante: siamo consapevoli della nostra morte?

La Persistenza della Coscienza

La ricerca suggerisce che la coscienza può continuare a operare anche dopo la morte. Questo significa che, immediatamente dopo il decesso, una persona potrebbe trovarsi intrappolata in un corpo senza vita. Questa teoria è supportata dalle testimonianze di coloro che hanno vissuto arresti cardiaci e sono stati successivamente rianimati, raccontando di aver assistito a ciò che accadeva intorno a loro nonostante fossero stati dichiarati clinicamente morti.

Esperienze di Quasi-Morte

Alcune persone hanno persino ricordato di aver sentito il medico dichiararle morte. La ricerca di Sam Parnia della Stony Brook University School of Medicine a New York ha esplorato casi di pazienti ritenuti morti ma poi inaspettatamente tornati in vita. Queste esperienze hanno spesso cambiato radicalmente la loro percezione della vita.

Gli scienziati sono convinti delle loro scoperte poiché molti pazienti hanno fornito dettagliate descrizioni degli eventi che si sono verificati durante il loro stato di morte apparente, descrivendo azioni e conversazioni di medici e infermieri che non avrebbero potuto conoscere altrimenti.

Quando Siamo Veramente Morti?

Emergono dubbi sulla definizione reale del momento della morte. Tradizionalmente, la morte è stata associata all’arresto del cuore, ma le nuove scoperte sollevano la questione se stiamo interpretando correttamente questo momento. Parnia spiega che, nonostante la cessazione della funzione cardiaca e il conseguente arresto quasi immediato delle attività cerebrali, le cellule cerebrali possono rimanere attive per ore.

La rianimazione cardiopolmonare (CPR) ha il potenziale di riavviare il cuore e, di conseguenza, di rianimare il cervello. L’efficacia della CPR è però limitata dal tempo: più si prolunga, maggiori sono i danni cellulari. Tuttavia, coloro che hanno vissuto esperienze di morte apparente e sono stati rianimati riportano spesso trasformazioni positive profonde, diventando più altruisti e trovando un nuovo senso nella vita dopo il loro “incontro” con la morte.

Articoli recenti

I più letti