giovedì - 29 Febbraio - 2024

Quando moriamo il nostro cervello non smette subito di funzionare: il nuovo studio che ribalta tutto

Numerosi sono i racconti dettagliati di persone che hanno superato stati di coma profondo o sono state rianimate in momenti critici, sfiorando la morte. Questi individui condividono esperienze straordinariamente simili: parlano di un profondo senso di pace, l’esperienza di essere avvolti da una luce intensa e un rilassamento totale.

Questi racconti hanno spinto i ricercatori a indagare in modo approfondito sui processi neurologici che avvengono prima dello spegnimento definitivo del cervello, cercando di comprendere come il cervello possa generare tali immagini nell’ultimo istante di attività, interpretato come un’ultima scarica energetica.

I Segreti del Cervello nei Momenti Finali della Vita

Il cervello umano, noto per essere uno degli organi più sofisticati e complessi del corpo, cela ancora numerosi misteri, specialmente nel contesto della morte. Questo organo, insieme al cuore, rappresenta uno dei pilastri funzionali dell’essere umano, e la sua attività cessa tra le ultime nel processo di morte.

Studi recenti hanno rivelato che i neuroni possono rimanere attivi per un breve periodo anche dopo l’ultima battuta cardiaca registrata. Le domande sorgono spontanee: perché avviene questo fenomeno? E quali studi scientifici supportano queste affermazioni?

Risultati Innovativi da un Esperimento sul Cervello di un Maiale

In uno studio rivoluzionario pubblicato su Nature, un team di neuroscienziati dell’Università di Yale ha condotto un esperimento che ha ribaltato alcune convinzioni pregresse. Hanno preso un cervello di maiale e, a quattro ore dalla morte dell’animale, hanno fatto circolare una soluzione chimica progettata per preservare i tessuti. Sorprendentemente, hanno osservato che non solo l’integrità cellulare era mantenuta, ma anche parte delle funzioni dei neuroni, delle cellule di sostegno gliali e delle cellule vascolari era stata recuperata.

Implicazioni Etiche: Attività Neuronale senza Coscienza

La piattaforma sperimentale sviluppata, chiamata BrainEx, apre nuove frontiere nella ricerca sul cervello, specialmente in quello che è stato definito “post-mortem”. Si pone però una questione cruciale: può un cervello, anche se distaccato dal corpo e rianimato, essere considerato ancora parte di un individuo? Conserva i ricordi e l’identità dell’animale originario? E, più inquietante, c’è una forma di esperienza soggettiva o di vita in quel cervello? Nel caso specifico del cervello trattato, non furono rilevati segnali di attività cerebrale normale e il ripristino della coscienza non era tra gli obiettivi dei ricercatori. Questo solleva importanti questioni etiche, in particolare riguardo agli studi su tessuti cerebrali umani, che richiedono un rigoroso processo di approvazione da parte di comitati etici specializzati.

Articoli recenti

I più letti