venerdì - 21 Giugno - 2024

Scopre che è madre da 4 anni perché le rubano i documenti all’anagrafe

[presto_player id=836]

Una donna è stata madre di una bambina per quattro anni senza saperlo, dato che è nata il 17 gennaio 2011. Solo nel 2015, durante una visita all’ufficio dell’anagrafe per altre pratiche, la donna ha scoperto la sua maternità. Questa storia è stata riportata dal quotidiano La Provincia Pavese. La signora ha appreso che, oltre ai figli regolarmente registrati, esisteva una bambina con un cognome diverso e che non conosceva.

Le indagini hanno rivelato che i genitori della neonata avevano rubato i documenti della donna per registrarla. Una volta venuta a conoscenza dell’accaduto, la donna ha presentato un ricorso al Tribunale di Milano per disconoscere la maternità. Il giudice ha annullato l’atto di nascita dichiarandolo “nullo, invalido e/o inefficace per difetto di veridicità nella parte relativa all’annotazione della maternità” della minore.

La sentenza

Secondo quanto stabilito, la nascita della bambina “risultante dall’atto di nascita del comune di Pavia” è stata il risultato di una falsa dichiarazione di parto, che è stata confermata anche dalle indagini penali e dalle prove documentali. Di conseguenza, il giudice ha ordinato all’ufficio anagrafico del Comune di Pavia di annotare la sentenza sulla falsità dell’atto di nascita della minore.

La bimba, che ha ormai tredici anni, è stata affidata ai servizi sociali di un comune della provincia di Milano e attualmente vive in una comunità protetta. Nel frattempo, le pratiche per l’adozione sono state avviate.

Articoli recenti

I più letti