domenica - 16 Giugno - 2024

Uccide la figlia di 4 mesi e poi si toglie la vita: il dramma della 40enne oncologa

In un drammatico e sconcertante episodio di omicidio-suicidio, una dottoressa di New York, Krystal Cascetta, ha ucciso sua figlia di pochi mesi per poi suicidarsi. La tragica notizia è stata confermata dalla New York State Police.

Cascetta, 40 anni, era un’eminentemente oncologa del Mount Sinai Hospital, specializzata nel trattamento del cancro al seno. Il tragico evento si è verificato nella loro casa a Somers, una cittadina situata a circa 50 miglia a nord-est di New York, sabato 5 agosto, intorno alle ore 7.

Il marito della dottoressa, Timothy, non era presente in casa al momento dell’orrendo atto. La polizia di stato ha dichiarato che “la scena è compatibile con un omicidio/suicidio”. Il movente rimane avvolto nel mistero.

Il poliziotto Steven Nevel ha affermato alla NBC, “Sappiamo, al 100%, senza dubbio, che si è trattato di un omicidio-suicidio”. Una chiamata al 911 è giunta da qualcuno all’interno della residenza, che, dopo aver sentito il primo colpo di pistola, si è precipitato nella stanza della bambina, “pensando che qualcosa fosse caduto”, ha spiegato l’agente. Quindi ha sentito “un secondo colpo di pistola” e, sfondando la porta chiusa, “ha trovato la madre e la bambina morti all’interno”, ha detto Nevel.

Cascetta aveva una carriera brillante. Laureata all’Albany Medical College, era capo reparto del Mount Sinai Queens Infusion Center, un centro di cura per il cancro e le malattie del sangue, e assistente professore di medicina nella divisione di ematologia e oncologia medica presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai. Dall’anno scorso, aveva anche intrapreso studi per un master in amministrazione sanitaria presso la Cornell University. Si era sposata nel 2019.

La notizia della sua morte ha scosso la comunità medica e i suoi pazienti, molti dei quali hanno espresso il loro dolore e incredulità sui social media. “Mi mancherà tantissimo, si è preoccupata profondamente dei suoi pazienti”, scrive la scrittrice Kambri Crews, che era stata in cura da lei.

Questo tragico episodio solleva numerosi interrogativi e ha lasciato una comunità e un’intera professione in lutto. La perdita di una dottoressa così dedicata e compassionevole è un duro colpo non solo per la famiglia e gli amici, ma anche per tutti coloro che hanno avuto il privilegio di conoscerla. La ricerca delle risposte continua, mentre la comunità cerca di venire a patti con un evento così devastante.

Articoli recenti

I più letti