mercoledì - 19 Giugno - 2024

Bambino muore a soli 2 anni, l’analisi shock: overdose per droga mescolata alla pappa

Ad appena due anni, il piccolo Nicolò Feltrin è stato ucciso dall’alta concentrazione di cannabis che aveva in circolo. Un’overdose secondo il medico legale, provocata da un’assunzione continua di droga, mescolata alla pappa. La triste fine del bimbo, che morì il 28 luglio dello scorso anno, è stata ricostruita dopo quasi un anno di analisi sintetizzate in una lunga relazione presentata dal tossicologo, alla procura di Padova, scrive Il Gazzettino.

Papà indagato

Sul registro degli indagati resta il nome del padre del bimbo, Diego Feltrin, 43 anni, nei cui confonti l’ipotesi di reato è omicidio colposo; quando portò suo figlio al pronto soccorso non disse chiaramente quello che era accaduto e di cui lui era a conoscenza, come dimostrerebbe la relazione. Il genitore, infatti, ha sempre sostenuto che Nicolò avesse ingerito una sostanza marrone trovata a terra nel parco vicino casa a Longarone.

Intossicato da cannabis

Secondo gli esami svolti dagli specialisti sul corpicino del bimbo, risulta che Nicolò avrebbe assunto un quantitativo tale di droga, da risultarne intossicato e che potrebbe essere la stessa droga rinvenuta in casa di Feltrin, ma questo deve ancora essere appurato dagli inquirenti.

Droga ovunque

L’hashish fu ritrovato nella camera del bimbo, in una tazzina, ma la droga venne rinvenuta in diverse stanze della casa, nella credenza in cucina, nella camera da letto dei genitori, sopra il davanzale del termosifone, dentro un portaoggetti in metallo.

Articoli recenti

I più letti